Brush Cleaning Tablet – pulisci pennelli fai da te

by Serena Ferrara

Salve a tutti! Non so voi come la pensate, ma per me il momento in cui devo lavare i pennelli è un tragico momento. Probabilmente preferirei compiere un pellegrinaggio in Tibet e sperare che si siano lavati da soli nel frattempo. Ormai le hanno inventate un po’ di tutti i colori, prima o poi usciranno fuori anche i pennelli autopulenti, no?Stamattina, dopo averne lavati circa una ventina ed essermi maledetta, ho iniziato a pensare al Brush Cleaning Glove di Sigma, un guanto in silicone con differenti trame, che pare faccia miracoli per la pulizia dei pennelli. A me sinceramente non va di spendere 39$ per testare la reale efficacia di questo prodotto e mi sono messa a cercare qualche valida alternativa su internet.

Vagando su google, dopo essermi imbattuta in guanti da cucina, da giardinaggio e spazzole per cani, ho avuto una visione mistica, ovvero una tavoletta di plastica su cui i rilievi erano stati fatti con la colla a caldo. Così ho deciso di cimentarmi in questo art attack.

Ho preso un coperchio di plastica e ho destinato un lato alla pulizia dei pennelli da occhi, l’altro a quelli da viso. Non ho fatto altro che imitare la texture già presente sul guanto, così sul lato dei pennelli per occhi ho creato una trama tratteggiata a zig zag, delle ondine e poi qualche pallino in rilievo, mentre sul lato per i pennelli viso ho composto dei pallini più grandi, delle linee parallele intervallate da qualche puntino e poi una sola fila di puntini più piccoli.

Avendo scelto un coperchio semitrasparente credo che le foto non rendano bene l’idea, io comunque ho cercato di fare del mio meglio e scusatemi se non ho fotografato il lavoro in corso, ma non ci ho pensato. Il risultato non è preciso poiché non avevo mai usato la colla a caldo, ma vi posso assicurare che non è stato per niente difficile, basta soltanto prenderci la mano.

Che dire, vi consiglio di cimentarvi nell’impresa perché potrebbe rivelarsi uno strumento utile, pratico e soprattutto economico. Io ho usato un coperchio ma si può usare anche un tagliere di plastica o qualunque altro materiale resistente all’acqua.

Credo di aver detto tutto e spero di esser stata utile, saluti e alla prossima!

Serena 😉

You may also like